Monitoraggio attivo del Gas Radon per la salvaguardia della Salute Pubblica.

In Italia, da tempo l’ENEA, l’Istituto Superiore di Sanità e le Arpa si sono posti, come obiettivo principale, la salvaguardia della Salute Pubblica, promuovendo campagne per la rilevazione e la misurazione delle concentrazioni di Gas Radon negli edifici residenziali e non residenziali e negli edifici pubblici. Inoltre, la loro mission è anche l’informazione, perché, i cittadini devono essere informati, per avere la consapevolezza dei rischi derivanti dall’inalazione di Gas Radon, all’interno del proprio appartamento, in modo da poter tempestivamente bonificare gli ambienti per salvaguardare la propria salute.

Si ricorda che l’inalazione prolungata del gas radon è la seconda causa accertata di tumore al polmone, dopo il fumo. Pertanto, la rilevazione e la misurazione dei livelli di concentrazione di Gas Radon è fondamentale per il cittadino, al fine di identificare la presenza del Radon e di procedere con la bonifica degli ambienti con opportuni accorgimenti edili e/o tecnologici.

La concentrazione di Gas Radon all’interno di un edificio, viene misurata in Bq/m3, e può essere effettuata con:

  • Misuratori attivi. Sono strumenti elettrici portatili che permettono di campionare e di misurare, in breve tempo, la concentrazione del gas radon nell’ambiente; avendo un riscontro in tempo quasi reale, si possono utilizzare per sperimentare diverse condizioni di misura (sistema di riscaldamento spento ed acceso, ventilazione accesa o spenta, etc.). Offrono risultati di tipo puntuale e permettono di avere l’indicazione sulle massime concentrazioni di gas negli ambienti.
  • Misuratori passivi. Sono dei piccoli dosimetri che non richiedono corrente elettrica e che vengono posizionati in punti strategici dell’edificio per alcuni mesi (3-6 mesi), per poi essere prelevati e analizzati. Hanno il vantaggio di una elevatissima precisione della misura, ma hanno lo svantaggio di restituire la misurazione nel lungo periodo, e data la pericolosità del gas radon è importante conoscere rapidamente i livelli di concentrazione.

 

Analist Group da sempre sensibile alla problematiche legate agli inquinamenti ambientali, ha ideato SanaRadon, apparecchio per la misurazione attiva dei livelli di concentrazione del gas radon negli ambienti. SanaRadon in sole 60 ore di monitoraggio restituisce la misurazione del livello di concentrazione del gas radon negli edifici. L’apparecchio è approvato e certificato dall’Istituto Nazionale di Metrologia delle Radiazioni Ionizzanti – ENEA.

certificato enea SanaRadon

Certificato ENEA SanaRadon

 

Gli apparecchi per la misurazione attiva del Gas Radon hanno il vantaggio di dare un risultato in tempo quasi reale e permettono un’analisi degli andamenti giornalieri. Non sono influenzati dalla temperatura e dall’umidità.

Interessante è citare lo studio effettuato dal Dott. A. Parravicini sull’utilizzo della strumentazione attiva, utilizzata per determinare concentrazioni più accurate ove i dosimetri passivi hanno registrato livelli elevati di concentrazione di radon. Il Dott. Parravicini, nel corso delle sue conferenze ha sempre sottolineato la validità della strumentazione sia attiva che passiva, ma ribadendo che è fondamentale conoscere rapidamente i livelli di concentrazione del Gas Radon per bonificare gli ambiente e salvaguardare la salute dei cittadini.