L’attestato di prestazione energetica (APE) è obbligatorio nei casi seguenti:

  • Atto di compravendita 
  • Contratto di locazione
  • Annunci immobiliari presso agenzie autorizzate

Pertanto, per gli edifici già dotati di attestato di certificazione energetica, sottoposti ad adeguamenti impiantistici, compresa la sostituzione del generatore di calore, l’eventuale aggiornamento dell’attestato di certificazione, di cui all’art. 6, comma 5 del D. Lgs. 192/2005, e successive modificazioni, può essere predisposto anche da un tecnico abilitato dell’impresa di costruzione e/o installatrice incaricata dei predetti adeguamenti.

Inoltre, il D.P.R 75/2013, oltre a dettare i criteri per diventare certificatori energetici, detta anche stringenti requisiti di imparzialità per i soggetti certificatori. Secondo l’art. 3 del DPR 75/2013 i certificatori abilitati, all’atto di sottoscrizione dell’attestato, dichiarano:

  1. nel caso di certificazione di edifici di nuova costruzione, l’assenza di conflitto di interessi, tra l’altro espressa attraverso il non coinvolgimento diretto o indiretto nel processo di progettazione e realizzazione dell’edificio da certificare o con i produttori dei materiali e dei componenti in esso incorporati nonché rispetto ai vantaggi che possano derivarne al richiedente, che in ogni caso non deve essere né il coniuge né un parente fino al quarto grado;
  2. nel caso di certificazione di edifici esistenti, l’assenza di conflitto di interessi, ovvero di non coinvolgimento diretto o indiretto con i produttori dei materiali e dei componenti in esso incorporati nonché rispetto ai vantaggi che possano derivarne al richiedente, che in ogni caso non deve essere né coniuge né parente fino al quarto grado.

[Rif.  D.P.R. 75/2013, Art. 3, comma 1 D.Lgs. 192/2005, art. 6 comma 5]


Software APE, AQE, Interventi Migliorativi, Protocollo ITACA

Software APE, AQE, Interventi Migliorativi, Protocollo ITACA

Articoli correlati

 
7 Comments
  1. Analist Group

    Salve,
    per maggiori informazioni può contattarci al nostro Numero Verde Gratuito 800 91 20 15
    Cordiali Saluti
    Staff Analist Group

  2. Pierluigi D'Annunzio

    In merito al conflitto di interesse si parla sempre di progettazione e realizzazione.
    Il concetto valido anche per chi è stato esclusivamente coordinatore per la sicurezza?
    Grazie

  3. Analist Group

    Ciao Pierluigi.

    Se il soggetto incaricato di svolgere il ruolo di coordinatore della sicurezza (sia nella fase di progettazione che di esecuzione dei lavori), segue solo gli aspetti della sicurezza nel cantiere, allora può anche predisporre l’APE. In caso contrario, ovvero se il coordinatore collabora nella progettazione dell’immobile, nella direzione dei lavori e nella scelta dei materiali in sinergia col committente e con i datori di lavoro,non può predisporre l’APE.

    La normativa cita solo “la progettazione e realizzazione dell’immobile”, non include il coordinamento per la sicurezza [Riferimento normativo D.Lgs. 115/2008 e s.m.i.]

  4. Pierluigi D'Annunzio

    Grazie,
    puntuali e gentilissimi!

  5. CARMELO

    In merito al conflitto di interesse si parla sempre di progettazione e realizzazione. Il concetto valido anche per chi dovrà redigere una pratica per adibire il locale ad attività commerciale?. Grazie

  6. Analist Group

    Ciao Carmelo.
    Sì, il concetto è valido anche per chi dovrà redigere una pratica per adibire il locale ad attività commerciale.

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.