L’ACE – Attestato di Certificazione Energetica – viene rilasciato dal Certificatore Energetico. Questi è nominato e retribuito dal committente e/o proprietario dell’immobile da certificare.

 

 

Il Soggetto certificatore non può svolgere attività di certificazione sugli edifici per i quali risulti proprietario o sia stato coinvolto, personalmente o comunque in qualità di dipendente, socio o collaboratore di un’azienda terza, in una delle seguenti attività:

 

  • · progettazione dell’edificio o di qualsiasi impianto tecnico in esso presente;
  • · costruzione dell’edificio o di qualsiasi impianto tecnico in esso presente;
  • · amministrazione dell’edificio;
  • · fornitura di energia per l’edificio;
  • · gestione e/o manutenzione di qualsiasi impianto presente nell’edificio;

 

 

Questi deve essere in grado di:

 

  • Raccoglie i dati relativi all’edificio, alla sua struttura, agli impianti di riscaldamento e di produzione di acqua calda sanitaria, e sull’ uso di eventuali fonti energetiche rinnovabili.
  • Elaborare i dati secondo le procedure e di determinare il fabbisogno energetico dell’involucro e dell’energia primaria per la climatizzazione invernale, estiva e la produzione di acqua calda sanitaria.
  • Calcolare le emissioni di CO2 e fornire le indicazioni per il miglioramento dell’efficienza energetica.
  • Produrre l’attestato di certificazione energetica con l’indicazione della classe di appartenenza dell’edificio, utile, e in molti casi obbligatorio, per le agevolazioni di legge sul risparmio energetico, per il rogito e l’affitto o per la ristrutturazione e l’edificazione di un immobile.

 

Il certificatore energetico deve possedere un diploma o una laurea tecnica di primo o di secondo livello, (decreto ministeriale 26 ottobre 2007 art.1 comma 1), essere iscritto al rispettivo albo professionale, aver frequentato un corso abilitativo riconosciuto ed aver superato l’esame finale.

I requisiti minimi del certificatore energetico sono imposti, via via, dalle singole regioni nelle quali sono in vigore i protocolli attuativi delle direttive nazionali.

Articoli correlati

 
Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.