Hai appena effettuato un rilievo termografico con il drone con termocamera Flir Tau 2 e Thermal Capture. Hai ottenuto così il filmato radiometrico. Ora non sai come procedere.
Sicuramente ti starai chiedendo come posso elaborare un rilievo termico in Pix4DMapper?.

Prima che tu parta alla ricerca di informazioni sparse per il web con il rischio di non ottenere nulla, prenditi qualche minuto per leggere i prossimi paragrafi e risolvere definitivamente il problema.

Come dici? Non vedi l’ora di iniziare? Allora mettiti bello comodo e leggi con attenzione le informazioni che trovi nelle prossime righe.

Siamo pronti? Allora iniziamo.

Il Thermal Capture (Fig. 1) è un accessorio installabile sulle Flir Tau 2 che registra lo streaming radiometrico della termocamera direttamente su chiavetta USB (nel formato TMC). Se vuoi, puoi trovare maggiori informazioni qui.

 

Tau 2 Thermalcapture

Fig. 1 – Flir Tau 2 con modulo Thermal Capture

 

Come prima operazione, occorre copiare i file TMC dalla chiavetta collegandola al PC.

Ora, se non lo hai ancora fatto, devi installare il software ThermoViewer. Una volta installato, potrai aprire i file TMC.

Tutto pronto? Perfetto.

Lancia pure il programma (Fig. 2).

 

Fig. 2 – Interfaccia software ThermoViewer per ThermalCapture

 

Clicca sull’icona della cartella e seleziona il file termico TMC che desideri e clicca su apri (Fig. 3).

 

Fig. 3 – Interfaccia software ThermoViewer per ThermalCapture

 

A questo punto clicca sull’icona delle impostazioni (Fig. 4 – 1). Qui potrai modificare i parametri di visualizzazione ed esportazione.
Disattiva la funzione “Automatic gain” (Fig. 4 – 2) ed imposta la temperatura minima (Gain low) e massima (Gain high) che desideri.
Sempre dalla stessa scheda, alla voce “TLinear mode”, seleziona “TLinear high gain” e togli la spunta a “Show legend” (Fig. 4 – 3).
Infine chiudi la scheda delle impostazioni (Fig. 4 – 4).

 

Fig. 4 – Impostazioni software ThermoViewer

 

Ora sei pronto per esportare le immagini radiometriche. Clicca sull’icona “Frame export” (Fig. 5-1). Si aprirà la scheda di esportazione.

Apro giusto una parentesi su alcuni parametri che sicuramente ti saranno di grande aiuto.
Modificando i parametri “Start Frame” e “End Frame”, potrai definire l’intervallo dei fotogrammi da esportare.
Il parametro “Frame Step” definisce ogni quanti fotogrammi deve essere eseguita l’esportazione.

Un parametro importantissimo da tenere in cosiderazione per eseguire un’elaborazione di Pix4D corretta è “Target format”. In questo caso devi selezionare il formato “TIF” (Fig. 5-2).

Fatto questo, seleziona la cartella di destinazione (Fig. 5-3) e il prefisso da associare al nome delle immagini da esportare (Fig 5.4).

Clicca sul pulsante “Export” (Fig. 5-5) per avviare l’esportazione.

 

Fig. 5 – Esportazione fotogrammi radiometrici software ThermoViewer

 

Tutto qui. Ora sei pronto per elaborare le immagini in Pix4Dmapper.
Non conosci Pix4Dmapper? Qui troverai tutte le informazioni che ti occorrono.

Un attimo…..non sai come procedere ad elaborare i dati con Pix4Dmapper? Nessun problema. Vediamolo insieme.

 

Lancia Pix4Dmapper e clicca su nuovo progetto.

Inserisci il nome del progetto, seleziona la cartella in cui desideri salvarlo e clicca su “Avanti” (Fig. 6).

Fig. 6 – Creazione progetto in Pix4Dmapper

 

Procedi pure ad importare le immagini esportate da ThermoViewer. Clicca su “Aggiungi immagini”, seleziona le immagini da elaborare e clicca su “avanti” (Fig. 7).

Fig. 7 – Importazione immagini in Pix4Dmapper

 

Nella scheda successiva avrai il riepilogo delle immagini importate con il modello di camera e le relative coordinate GPS (Fig. 8). Clicca su avanti.

Fig. 8 – Riepilogo immagini termografiche importate in Pix4Dmapper

 

Qui potrai scegliere il formato di coordinate dei dati che verranno esportati dal programma (Fig. 9). Scegli il formato che preferisci e clicca su “Avanti”.

Fig. 9 – Sistema di coordinate di output in Pix4Dmapper

 

In questa scheda sono visibili i modelli predefiniti di elaborazione (Fig. 10).
Ma cosa sono questi modelli? Semplice! sono dei template di opzioni.
In altre parole, in ognuno di essi, sono state settate delle impostazioni, il tutto in modo da velocizzare il lavoro senza dover cambiare le opzioni del programma manualmente.

Seleziona il modello “Camera Termografica”, metti la spunta su “Inizia elaborazione adesso” e clicca su fine.

Tieni in mente che questo modello richiede immagini georeferenziate. Se questo non è il tuo caso,  seleziona il modello “Mappe 3D” e modifica le opzioni di elaborazione manualmente.

Fig. 10 – Template di elaborazione in Pix4Dmapper

 

 

Al termine dell’elaborazione, clicca su calcolatore di indici (Fig. 11-1). Qui vedrai la mappa di riflettanza.
In questa scheda puoi creare la tua mappa di temperatura. Ma andiamo per passi.

Clicchiamo sul tasto “Indici” a destra (Fig. 11-2).

Fig. 11 – Calcolatore di indici in Pix4Dmapper

 

Nella finestra “Lista Indici” clicca su Aggiungi e inserisci la formula per calcolare l’indice di temperatura (Fig. 12). Nel nostro caso:

0.04*grayscale-273.15

 

 

Fig. 12 – Formula per il calcolo dell’indice di temperatura

 

Dai un nome all’indice facendo doppio clic sul campo nome (Fig. 13). Puoi inserire ad esempio “temperatura”.

Conferma cliccando su “OK”.

 

Fig. 13 – Formula calcolo indice di temperatura

 

Ci sei quasi. A destra, seleziona l’indice di temperatura creato in precedenza (Fig. 14-1) e clicca su “Genera” (Fig. 14-2).

Tutto qui! Se vuoi puoi cambiare la segmentazione delle temperature (Fig. 14-3) ed esportare il tutto (Fig. 14-4).

Fig. 14 – Calcolo ed esportazione mappa di temperatura

 

In basso (Fig. 15) vedrai un’anteprima dell’indice di temperatura generato con Pix4Dmapper.

 

Fig. 15 – Mappa di temperatura generata con Pix4Dmapper

Articoli correlati