Una scuola all’avanguardia grazie all’impiego di tecnologie innovative

Analist Group è lieta di annunciare la partnership con l’istituto Industriale “Majorana” di Avezzano che, consapevole dell’importanza delle nuove tecnologie, ha realizzato un progetto innovativo facendosi promotore di tutto quello che è innovazione e che può portare vantaggi per i giovani.

L’Istituto Industriale “Majorana” di Avezzano ha avviato, infatti, un rapporto di collaborazione tecnica con la Micron, nella realizzazione e collaudo di un progetto di anticollisione per aeromobili come i droni: un sistema di sicurezza Mcas (Multirotor Collision Avoidance System drone) che consente di aumentare la sicurezza dei Multirotori integrando un sistema di aggiramento degli ostacoli (4-6 sensori Sonar).

E’ stato testato con successo un dispositivo di anticollisione Mcas secondo il quale il drone risponde con sicurezza all’avvicinamento dell’ostacolo, per il momento a bassa velocità.

 

 

Dispositivo di anticollisione per aeromobili

Dispositivo di anticollisione per aeromobili

 

 

Il progetto innovativo, coordinato dal Professore Ing. Carlo Maria Seritti e approvato dalla Preside Anna Amanzi, volge lo sguardo verso un futuro che sa andare oltre la programmazione didattica standardizzata, capace di interpretare la realtà, per mettere i propri ragazzi nelle condizioni di apprendere competenze utili a trovare un’occupazione al termine dei loro studi.

Un’iniziativa originale ed innovativa, premiata anche dal Ministero, con la partecipazione al Job&Orienta di Verona 2015: un evento educativo che espone le eccellenze formative.

 

Tecnologie innovative e vocazione territoriale: l’impiego dei Droni in Agricoltura

Tenuto conto della vocazione prettamente agricola della zona in cui si vive, si è ritenuto che l’applicazione pratica delle nuove tecnologie nell’ambito delle coltivazioni sia un punto di vanto per il territorio, non solo con l’obiettivo di ottenere prodotti di più alta qualità e valore ma anche, e soprattutto, in una visione di sostenibilità ambientale. Di qui l’integrazione del dispositivo di anticollisione con altri sensori e videocamere all’infrarosso al fine di mappare dettagliatamente le situazioni dei singoli territori, in modo da intervenire solo dove e quando sia effettivamente necessario.

Il sistema di sicurezza Mcas connette così le tecnologie avanzate con le vocazioni più tradizionali del territorio aprendo nuovi scenari per utili applicazioni di Droni in campo agricolo.

La comparsa nella scena tecnologica dei droni è destinata a cambiare in maniera significativa le modalità operative e di approccio in molti settori.

Uno di questi è, senza dubbio, quello della Precision Farming, intesa come strategia agronomica tesa ad ottimizzare gli interventi in agricoltura, tenendo conto delle effettive esigenze colturali e biometriche del suolo, essenziali allo svolgimento delle attività. Attraverso lo studio delle immagini a bassa quota è possibile trarre molte informazioni. Utilizzando specifiche bande nello spettro dell’IR è possibile controllare l’umidità del terreno oppure costruire mappe tematiche del vigore vegetativo della coltura attraverso indici (Normalized Difference Vegetation Index, NDVI) ottenuti da dati multispettrali ad alta risoluzione ottenuti dal Drone. La riflettenza che ogni singola pianta, foglia ha, è un indice del suo ciclo di vita e da esso è facile avere indicazione sul suo stato di salute ed eventualmente come intervenire.

Da queste informazioni sarà possibile mettere a punto strategie di irrigazione e concimazione selettiva a dose variabile che esaltino la qualità del prodotto in un contesto di sostenibilità delle risorse.
In particolare, tramite il sorvolo a bassa quota delle coltivazioni, scattando strisciate fotografiche con un apposito sensore, è possibile rilevare l’indice di vigore delle piante, NDVI, e determinare con precisione le zone della coltivazione in cui c’è bisogno di un intervento fitosanitario, di una modifica del regime di irrigazione e/o di altre azioni agricole.

 

Foto originale ripresa con la camera multispettrale

Foto originale ripresa con la camera multispettrale

Elaborazione NDVI in falsi colori

Elaborazione NDVI in falsi colori

 

Le immagini NDVI realizzate permettono di scoprire problemi quali la carenza di nutrienti, la presenza di infezioni parassitarie o le condizioni di stress idrico. Il rilevamento precoce di tali situazioni permette un intervento mirato ed efficace con un risparmio di costi e un maggior rendimento del raccolto. Spesso la rilevazione nell’infrarosso permette di rilevare i problemi prima che questi siano visibili ad occhio nudo.

Non resta, dunque che fare un plauso all’istituto Industriale Majorana di Avezzano,  che guarda al futuro dei suoi studenti,  consentendo loro di acquisire competenze utili spendibili nella realtà in cui vivono e in quella attuale, delle moderne tecnologie.

 

Risorse utili:

Soluzioni con Drone per Agricoltura di Precisione

Software NDVI

Software Topografia

Corso per diventare Pilota di DRONE