Enzo Smacchia: caposaldo di tradizione, di passione per la propria terra e di dedizione al proprio lavoro: la semina, il raccolto e la sperimentazione con il CREA di Foggia

Si è svolto martedì 20 marzo 2018, presso il CREA di Foggia, l’evento “Droni: Speciale Agricoltura”. L’iniziativa, ideata da Analist Group con la collaborazione con il CREA di Foggia rappresentata dal Dott. Pasquale De Vita, ha riscosso un enorme successo. La giornata dedicata all’utilizzo del Drone in Agricoltura di Precisione con focus sull’elaborazione professionale dei dati e la generazione dell’INDVI con il suo utilizzo fattuale per le azioni correttive da apportare sulle coltivazioni ha visto la partecipazione di numerose aziende agricole, periti agrari e agronomi. Parte della sperimentazione portata avanti dal CREA è stata effettuata sull’azienda agricola Vincenzo Smacchia che ha ha messo a disposizione i suoi terreni.

L’Azienda Agricola Vincenzo Smacchia

L’azienda a conduzione familiare avviata nel 1987 da Benito Smacchia consisteva inizialmente di 18 ettari a cui sono sono stati aggiunti altri 18 acquistati dal figlio Enzo successivamente.
Enzo ci tiene a raccontare che a causa della crisi non è più possibile per l’azienda impiegare lavoratori: sono quindi i membri della famiglia a lavorare. Enzo si occupa in prima persona delle attività nei campi sostenuto dalla moglie e dal figlio Benito per la vendita. Enzo dedica tutta la giornata al suo lavoro: dalle 6 di mattina alle 6 di sera in attività nei campi poi dalle 6 di sera alle 6 di mattina resta nei campi di guardia a difesa del suo lavoro.

L’azienda si occupa della coltura principalmente di cerealicoli ma anche orticoli. Nello specifico della vendita sia per l’industria che diretta dei pomodori e del grano in aggiunta alla coltivazione e la vendita di ortaggi e frutta di stagione.

La sperimentazione con il CREA

L’azienda Vincenzo Smacchia è stata scelta dal CREA per la sperimentazione in quanto usa l’impianto di irrigazione sia per i prodotti cerealicoli che per i prodotti orticoli. L’impianto viene utilizzato per coltura del grano in irrigo, Enzo utilizza lo stesso impianto anche per la coltura del grano in asciutto tecnica considerata poco corretta. Pertanto, il CREA ha voluto sperimentare una tecnica innovativa che prevede di dare acqua e nutrienti al grano: la fertirrigazione. L’obiettivo della fertirrigazione è di avere una produzione di 100 quintali ad ettaro con un elevato tenore proteico ovvero qualità della granella eccezionale, consentendo di intercettare i contratti di filiera che si basano su un tenore proteico molto alto, garantendo un prezzo che va dai € 28-32 al quintale. Si otterrebbe un produzione lorda vendibile di € 3000 per ettaro, al netto delle spese, il frumento diventerebbe competitivo con le migliori colture da rinnovo.

Nel progetto di sperimentazione del CREA, Enzo ha messo a disposizione 2 ettari per la coltura del frumento con la nuova tecnica. Il programma prevede:

  • un protocollo di concimazione (concimi idrosolubili e azoto) per ottimizzare la produzione fino alla fine del ciclo produttivo per avere una maggiore quantità e una migliore qualità della granella
  • un sistema di irrigazione ben progettato e implementato tramite una rete di sensori e con il telerilevamento si programmano i turni di irrigazione

Enzo è stato scelto da CREA anche perché è un agricoltore specializzato con competenze nei sistemi di irrigazione che sono complessi e vanno gestiti correttamente.

L’azienda agricola di Enzo è l’espressione dell’innovazione nel settore agricolo e soprattutto il proprietario Enzo ha dimostrato di sapere gestire con estrema semplicità i moderni sistemi di acquisizione dei dati e di interpretare in maniera egregia i risultati, incrementando lo standard produttivo sia a livello qualitativo e quantitativo.

Enzo si è distinto come agricoltore non solo innovativo ma estremamente passionale sia del suo lavoro sia nell’attaccamento ai valori della sua terra. Presto lancerà il suo sito per il commercio di prodotti di elevata qualità.

 

Leggi anche

Trasformazione dell’indice di vegetazione in un dato significativo per l’agricoltore

Ortofoto all’infrarosso con il Drone Matrice 100 per le ispezioni termografiche

Volo Parrot Bluegrass specifico per Agricoltura di Precisione

Analisi dell’elaborazione multispettrale: l’indice NDVI 

 

Segui Enzo su Facebook 

Segui il CREA di Foggia su Facebook

Segui Analist Group su Facebook


 

*Analist Group è distributore Parrot per il mercato italiano.

Vuoi rivendere i droni Parrot? Scopri il nostro Programma per Rivenditori

Droni Professionali Parrot

Disco Parrot Pro AG

Parrot Bluegrass

Parrot 3D Modeling

Parrot Bebop Thermal Pro

 

 

 

Articoli correlati